Le Camere del Lavoro luoghi di incontro-ascolto-organizzazione per la contrattazione inclusiva. I nostri valori dalla Resistenza al futuro di libertà e giustizia

 

 

A fronte di politiche autoritarie di un governo che lede i principi della Costituzione con attacchi al welfare, al mondo del lavoro, alla sanità, all’istruzione, aumentando la platea degli esclusi, la Conferenza di organizzazione della CGIL, nell’anno del 70° anniversario della Liberazione, rappresenta un importante momento di confronto e di discussione su temi che riguardano la vita e le scelte organizzative della nostra confederazione, nel pieno di una crisi economica, politica e sociale senza precedenti nella storia del paese. Un appuntamento che richiede il coraggio di guardare avanti, al futuro della CGIL.

La sfida è alta. Dobbiamo saper rispondere alle profonde trasformazioni che ridisegnano il mondo del lavoro; prima di tutto, la necessita di rafforzare ed allargare il modello partecipativo, decentrando verso il basso ed allargando le sedi decisionali con un nuovo protagonismo delle delegate e dei delegati, delle iscritte e degli iscritti, per l’estensione della rappresentanza e della rappresentatività sul territorio.

Il territorio, le Camere del Lavoro e i luoghi di lavoro devono rappresentare il baricentro della nostra contrattazione inclusiva e sociale per ridare dignità al lavoro e alle condizioni di donne e uomini, giovani, pensionati, migranti che vogliamo rappresentare. Devono essere i luoghi di partecipazione che “incontrano-ascoltano-organizzano”.

Questi luoghi costituiscono un grosso mattone nella costruzione dell’identità sociale e, assieme alla democrazia, al pluralismo e alla partecipazione, possono rafforzare la collegialità delle decisioni con ulteriori momenti di confronto, di discussione, di analisi, di coinvolgimento, di formazione rispetto al passato per una ricomposizione e riunificazione di classe nel mondo del lavoro. Non sono obiettivi di facile realizzazione, ma sono intrinsecamente legati al nostro essere, ai nostri valori.

Ripartendo dal territorio, con una prospettiva di cambiamento, dobbiamo restituire la dignità al lavoro e, per far fronte ai mutamenti imposti dalla complessità della società, dobbiamo impegnarci nella contrattazione decentrata, territoriale e sociale inclusiva. Le disuguaglianze lavorative richiedono di ricomporre il lavoro, rafforzando la contrattazione di secondo livello al sito, alla filiera, unificando nella rappresentanza e nella tutela le diverse figure lavorative che vi operano, per una maggiore inclusività. Anche con forme e azioni contrattuali intercategoriali coordinate dalla confederazione.

Il Piano per il Lavoro, il nuovo Statuto dei Lavoratori, la difesa del valore universale dei contratti nazionali continuano ad essere le parole chiave che influenzano le nostre scelte di riorganizzazione, per collegare i luoghi di lavoro al territorio ai diritti di cittadinanza e trasformare in azione collettiva la solitudine di tanti cittadini, lavoratori e pensionati.

Queste azioni devono essere accompagnate da politiche di analisi, di studio, di ricerca e di formazione per rafforzare il nostro patrimonio. Una formazione legata alla storia del sindacato, alla contrattazione, alle nuove forme del lavoro, per rafforzare l’identità della nostra organizzazione.

Dobbiamo trovare il modo di avvicinare e dare voce ai giovani, che sono per tutta la CGIL un bene prezioso, il nostro futuro e, al contempo, il mezzo per far vivere la memoria di un passato che va ricordato, di valori che continuano a indicarci la strada da percorrere, per una prospettiva di libertà e giustizia, in cui la CGIL sia punto di riferimento nella complessità contemporanea del mondo del lavoro. 

©2019 Sinistra Sindacale Cgil. Tutti i diritti riservati. Realizzazione: mirko bozzato

Search