Con 49 giorni di sciopero, i lavoratori Usa respingono le arroganti pretese del gigante delle telecomunicazioni.

Il 13 aprile scorso, 39mila iscritti al sindacato sono scesi in sciopero per sconfiggere le proposte aziendali che avrebbero cancellato le loro protezioni sul lavoro, la sicurezza, gli schemi pensionistici e sanitari. I due sindacati della Verizon, i Lavoratori delle comunicazioni dell’America (CWA) e la Fratellanza internazionale dei lavoratori elettrici (IBEW), stavano lavorando con un contratto scaduto dall’agosto del 2015.

L’azienda, nonostante profitti incredibili (39 miliardi di dollari negli ultimi tre anni) voleva tagli e concessioni notevoli, come costi più alti a carico dei lavoratori sullo schema sanitario, la riduzione dell’indennità di pensione, la delocalizzazione di 5mila posti di lavoro, il diritto di imporre ai lavoratori trasferte lavorative fuori dallo stato, e il potere unilaterale di programmazione degli orari.

I lavoratori Verizon sono tra i più militanti negli Stati Uniti. Le trattative per l’ultimo contratto, nel 2011, hanno comportato due settimane di sciopero. Lo sciopero attuale è durato 49 giorni. “Questo è stato il nostro quinto sciopero alla Verizon (e alle precedenti compagnie telefoniche) in trent’anni”, ha detto Matt Lyons, tecnico del servizio collegamenti con 29 anni di servizio, che è capo della delegazione sindacale delle sezione 2222 di IBEW. “Abbiamo vinto ciascuno di questi scioperi grazie al nostro numero e alla nostra esperienza: sappiamo quello che stiamo facendo”. Lo sciopero è stato alimentato dalla rabbia contro le richieste dell’azienda e l’arroganza dell’amministratore delegato, Lowell McAdams, il cui compenso annuale è di 18 milioni di dollari, 208 volte quello medio di un lavoratore di linea, di circa 86mila dollari.

Nel corso di questi trent’anni, i lavoratori Verizon sono stati notevolmente ridotti a causa delle nuove tecnologie e del decentramento. Comunque, in qualche modo, la forza lavoro rimanente è più forte, e ora più necessaria che mai all’impresa. “Abbiamo attivamente interrotto le attività dei negozi Verizon Wireless su e giù per la Costa Est e in California”, ha detto Lyons. “Ha avuto un forte impatto sulla parte wireless della loro attività, quella di maggior profitto. Io lavoro nei servizi speciali per le linee wireless con grandi aziende come clienti. Verizon ha un sacco di problemi a trovare quadri o crumiri che possano fare il mio lavoro”.

I lavoratori sindacalizzati fanno una forte difesa delle loro tecniche di lavoro, e si assicurano che i dirigenti non maneggino il lavoro di linea. “Questo ci lascia una posizione di forza. I dirigenti non conoscono veramente come fare il nostro lavoro”, ha aggiunto Lyons. Lui e altri scioperanti della Verizon hanno picchettato in modo aggressivo hotel e motel che ospitavano i lavoratori chiamati in sostituzione. Alcuni di questi alberghi hanno sfrattato i crumiri, dopo le pressioni dei sindacati.

Lyons crede che aver coinvolto il ministro del lavoro statunitense, Thomas Perez, abbia aiutato a trovare più velocemente un accordo. Il 24 maggio, Perez e i due sindacati hanno annunciato che era stata raggiunta una ipotesi d’accordo, da sottoporre alla ratifica da parte degli iscritti al sindacato. I sindacati sono riusciti a respingere tutte le richieste aziendali, tranne l’aumento dei costi di partecipazione allo schema sanitario. L’ipotesi di accordo include la sindacalizzazione di lavoratori in diversi negozi Verizon a Brooklyn, New York e a Everett, Massachusetts. L’azienda ha anche accordato l’assunzione di 1.300 nuovi lavoratori di call center.

Forti scioperi come questi sono ancora un’efficace strategia per sconfiggere l’avidità padronale, se condotti con piena solidarietà e intelligenza strategica. “Abbiamo ottenuto un cruciale primo contratto nei negozi Verizon Wireless - ha puntualizzato Lyons - ora sta a noi far leva sulla nostra forza nell’attività della linea telefonica fissa, e costruire su questo la vittoria per organizzare il resto dei negozi e delle unità produttive. Non sarà facile, ma l’area wireless è quella della crescita futura dell’attività aziendale”.

Infine un’osservazione generale: “Non avremmo potuto vincere senza il forte sostegno dell’insieme del movimento dei lavoratori, e delle comunità dove viviamo e lavoriamo. La solidarietà è diventata il nostro stile di vita. Fortunatamente si diffonde”.

©2019 Sinistra Sindacale Cgil. Tutti i diritti riservati. Realizzazione: mirko bozzato

Search