Torino, 21 marzo: corteo antirazzista - di Elena Petrosino

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Per il quarto anno consecutivo, il 21 marzo Torino ha celebrato la giornata internazionale contro le discriminazioni razziali con un partecipato corteo cittadino.  

In questi anni donne e uomini si sono mobilitati per rivendicare diritti e uguaglianza nei luoghi di lavoro e nei territori, con l’idea di contrastare ogni forma di intolleranza, discriminazione e diseguaglianza. A Torino un comitato molto ampio di associazioni, organizzazioni sindacali confederali, cittadine e cittadini, tra il 2017 e il 2018 ha ripreso la lunga battaglia affinché, anche nel nostro paese, venisse approvata una legge che riconoscesse la cittadinanza e i diritti a bambini e bambine, ragazze e ragazzi nati e cresciuti in Italia.

Purtroppo, nonostante la forte mobilitazione a Torino e in tutta Italia, la legislatura si è chiusa senza che il disegno di legge sia stato posto in votazione, rinviando a un futuro non a portata di mano il riconoscimento dei diritti di cittadinanza per quasi un milione di cittadine e cittadini, già italiani nella sostanza.

Le forze politiche, l’attuale governo in primis, ma anche alcune forze sociali e culturali, hanno continuato a strumentalizzare il fenomeno delle migrazioni e delle diseguaglianze, per trasformare in colpevoli le vittime delle guerre e dello sfruttamento economico e ambientale. Anche gli altri Stati dell’Unione europea, ma non solo, preferiscono proteggere le frontiere e le merci e non le persone, voltandosi dall’altra parte di fronte alle contraddizioni del Mediterraneo, storicamente crocevia di culture, diventato oramai un cimitero senza nomi.

Oggi la consapevolezza delle persone è ancora sotto attacco. La falsa sicurezza dei cittadini viene costruita sulla pelle delle persone, soprattutto quelle migranti, portandoci dalla legge Bossi-Fini, sempre in vigore, a quella Minniti, per arrivare allo scempio della legge Salvini e alla gestione del fenomeno da parte di questo governo. Non si affrontano le criticità e le forti diseguaglianze che permangono e si accentuano in gran parte del mondo, ma si preferisce continuare in una narrazione confusa e fuorviante che sovrappone strumentalmente le migrazioni, la sicurezza delle frontiere e dei cittadini.

Così per il quarto anno consecutivo, pacificamente e con l’immensa speranza che una società migliore è possibile, Torino ha celebrato la giornata internazionale contro le discriminazioni razziali con un corteo cittadino mercoledì 21 marzo. Per la prima volta la manifestazione è stata patrocinata dal Comune di Torino e dalla Regione Piemonte. Siamo scesi in piazza pacificamente e con le nostre parole d’ordine: democrazia, libertà, Costituzione, antifascismo e antirazzismo.

Nel 1966, infatti, l’Assemblea generale dell’Onu istituì la Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale, in ricordo del grave fatto di sangue del 21 marzo 1960, quando a Sharpeville, in Sud Africa, la polizia aprì il fuoco su una manifestazione pacifica contro il regime di apartheid allora vigente, uccidendo 69 persone.

Pensiamo sia ancora più importante oggi essere collettivamente e pacificamente nelle piazze delle nostre città e prendere parola, poiché in Italia si continuano a verificare episodi di intolleranza, discriminazione e razzismo in molti contesti della società. Come ci insegna la storia, infatti, l’odio genera odio. La tragedia di qualche giorno fa in Nuova Zelanda non è che il frutto del clima che sta vivendo anche l’Europa. E’ per questo motivo che il corteo è promosso non solo dalle associazioni, comunità, organizzazioni sindacali confederali che storicamente animano le iniziative cittadine sui temi delle migrazioni e dell’antirazzismo, ma anche dalle associazioni antifasciste, studentesche, femministe e lgbtqi. Tutte le soggettività che saranno nuovamente a Verona il 30 marzo, per opporsi a un’idea di società patriarcale, misogina, razzista e omotransfobica.

©2019 Sinistra Sindacale Cgil. Tutti i diritti riservati. Realizzazione: mirko bozzato

Search