Sconfitta sindacale alla Amazon in Alabama. Ma la lotta continua - di Rand Wilson e Peter Olney

Il 9 aprile scorso, l’Ufficio nazionale delle relazioni di lavoro (National labor relations board - Nlrb) ha annunciato i risultati del voto postale per la certificazione sindacale concluso il 29 marzo da parte dei lavoratori del centro logistico Amazon di Bessemer, in Alabama. Su 3.041 voti validi, il sindacato Retail, Wholesale and Department Store Union (Rwdsu) è stato sconfitto con 1.798 voti contrari e 738 a favore. I 505 voti contestati non erano determinanti. Un risultato non sorprendente, dati i milioni di dollari che Amazon ha speso, e il suo potere di ricatto verso i lavoratori, perché votassero No.

Comunque la si veda, la sconfitta è un colpo significativo ai massicci sforzi organizzativi avvenuti ad Amazon. Le elezioni hanno mostrato gli evidenti limiti di perseguire la certificazione sindacale attraverso l’accidentato processo elettorale della Nrlb. Però, grazie all’attenzione nazionale e al sostegno ricevuto dalla campagna di sindacalizzazione, adesso più lavoratori Amazon che mai stanno pensando alle possibilità e potenzialità di organizzarsi. Sperabilmente, questo incoraggerà sindacati e lavoratori nell’insieme dell’azienda a considerare strategie alternative di sindacalizzazione.

Come atteso, il management di Amazon si è impegnato nei consueti confronti uno a uno e nelle riunioni chiuse per convincere i lavoratori a votare No. Ma è andato anche oltre, con un fuoco di fila di mail, messaggi e post sui social, ed anche incentivando i lavoratori scontenti a lasciare con buone uscite in contanti, messaggi appesi nei bagni, e cambiando la tempistica dei semafori interni per acquisire consenso.

La sconfitta conferma quanto molti di noi nel movimento sindacale conoscevamo già: i rapporti di forza sono completamente fuori portata negli Usa, con le grandi imprese che distorcono le regole per mantenere il potere e lasciare silenti i lavoratori. Ma difficilmente questa sarà l’ultima parola nella sindacalizzazione di Amazon.

L’aggressiva campagna del management ha dimostrato all’intero Paese la necessità di cambiare fondamentalmente le regole del gioco, in modo che i lavoratori possano ovunque formare sindacati più facilmente. Dovrebbe aumentare la pressione sui legislatori per la riforma delle leggi sul lavoro, da lungo tempo attesa.

Il sostegno pubblico da parte di altri sindacati, gruppi di comunità, eletti è stato impressionante. Il 20 febbraio, e ancora il 20 marzo, ci sono state decine di azioni a livello nazionale a sostegno dei lavoratori di Bessemer. Gli appelli per queste azioni sono stati lanciati dalla Southern Workers Assembly, un’organizzazione fondata nel 2012 da organizzatori sindacali veterani e della Black Workers for Justice. Questa il 2 marz, in un documento riassumeva così il suo punto di vista su Bessemer: “Come nel 1955 il boicottaggio dei bus a Montgomery, Alabama, durante un periodo simile di repressione e discriminazione, i lavoratori Amazon di Bessemer, guidati dalla maggioranza dell’80% di donne e neri e dalla Rwdsu, hanno fatto un passo avanti”.

Il successo della sindacalizzazione in un’impresa come Amazon – con 1,3 milioni di dipendenti e centinaia di centri logistici, stazioni di smistamento e di consegna negli Stati Uniti – richiederà massicce risorse di molto più di un sindacato. Avrà bisogno anche di sforzi di organizzazione interna di decine di migliaia di lavoratori in reti come Amazonians United, che descrive sé stessa come: “Un movimento di lavoratori che lottano per porre fine al dominio del management nei nostri posti di lavoro. Ci organizziamo con i nostri compagni di lavoro per lottare insieme per le vite dignitose che tutti meritano”.

È anche essenziale il sostegno comunitario per creare un contesto favorevole ai lavoratori per affrontare i loro padroni. I lavoratori di Amazon hanno ricevuto un forte sostegno da coalizioni di lavoratori e comunità come la Southern Workers Assembly, Democratic Socialists of America (Dsa), e il sostegno di rappresentanti eletti come il senatore Sanders, la deputata Pressley e molti altri. Se è benvenuto il sostegno nazionale da parte di celebrità e leader politici, è ancora più importante avere dalla propria parte leader delle comunità civiche e religiose e eletti locali.

Il modello di impresa di Amazon pone sfide particolari agli organizzatori sindacali. Con il suo sistema d’immagazzinamento e l’uso dei più avanzati robot, un lavoro che prendeva dai 60 ai 75 minuti può ora essere svolto in 15 minuti, e i suoi magazzini possono ora contenere il 40% in più di merci. Il “caos casuale” che Amazon utilizza per adempiere gli ordinativi dei consumatori crea una ridondanza programmata nella sua rete di distribuzione. Azioni e organizzazione confinate ad una sola sede possono essere contrastate spostando la logistica per far marciare il lavoro attorno questa sede, o semplicemente chiuderla del tutto.

Non c’è niente di nuovo sulle aziende che evitano la sindacalizzazione o l’iniziativa dei lavoratori: Ups e altri corrieri hanno fatto questo per decenni. Ci vorranno molte altre azioni come Bessemer - in tutti i punti della catena di distribuzione Amazon – per dare ai lavoratori la fiducia e i mezzi per lottare per i loro diritti, e conquistare buoni salari e condizioni di lavoro. Ma nessuna di queste riserve può ridurre il significato di questo passaggio.

Bessemer è nota per la produzione d’acciaio, il cui pioniere è stata Birmingham, Inghilterra, la sede della moderna industria siderurgica e il nome della vicina città in Alabama, storicamente centro minerario e siderurgico con una considerevole adesione sindacale. Ad onore della Rwdsu, l’impulso organizzativo si colloca tra più forti singoli impegni organizzativi nella storia del Sud degli Stati Uniti.

Andando oltre, probabilmente vedremo più sindacati unirsi nello sforzo di sindacalizzare Amazon. I Teamsters (sindacato dei camionisti, ndt) hanno già cominciato a costruire la consapevolezza nella base con i propri iscritti Ups sulla minaccia che Amazon pone ai suoi contratti standard, con la speranza che gli iscritti sosterranno una campagna generale. È già avvenuto in riunioni locali con lavoratori Amazon interessati ad affiliarsi. Da molti anni, Service Employee International Union (Seiu) sostiene l’Awood Center, che assiste immigrati che si organizzano in Amazon nella regione della Città gemelle (area metropolitana di Minneapolis, ndt). Ora Rwdsu è entrata in campo in Alabama, ed ha acquisito molte altre spinte organizzative in altri stabilimenti. E Amazonians Unites è emersa come una promettente rete di organizzatori nei luoghi di lavoro dedicati a costruire forti comitati interni. Una confluenza di tutte queste forze, e molto di più, sarà necessaria per affrontare seriamente Amazon.

Nonostante la sconfitta elettorale, c’è bisogno di continuare a solidarizzare con i lavoratori di Bessemer. Il management deve essere reso responsabile delle promesse fatte per scoraggiare il sostegno alla contrattazione collettiva, e gli attivisti sindacali devono essere protetti da ogni ritorsione per il loro sostegno al sindacato. Si spera che Rwdsu si insedi tra i lavoratori di Bessemer e crei una solida organizzazione dentro il centro logistico. Quindi, basandosi sul suo primo sforzo, può cercare una seconda elezione di certificazione, che la storia ha mostrato avere un maggior tasso di successo. E gruppi come Dsa saranno cruciali nel sostegno ai giovani quadri che prendono lavoro in Amazon e vogliono aiutare ad organizzare dall’interno, sia attraverso Amazonians United sia con un sindacato specifico.

La sconfitta a Bessemer dimostra che, senza una radicata organizzazione interna e una costruzione dalla base, nessun livello di agitazione e sostegno esterno può rovesciare il potere di un gigante come Amazon. I lavoratori devono essere forgiati nell’esperienza di affrontare i loro supervisori nei magazzini, andando in prima linea contro i dirigenti e bloccando il lavoro quando necessario per prepararsi a vincere la battaglia del riconoscimento del sindacato. È emblematico che il giorno prima del conteggio dei voti di Bessemer, i lavoratori Amazon della stazione di distribuzione dell’area di Chicago “Dil 3” a Gage Park abbiano inscenato una manifestazione di un giorno contro il nuovo “megaciclo” che si vuole imporre ai dipendenti.

Per affrontare seriamente la sindacalizzazione di Amazon, dobbiamo ridefinire cosa significa “vincere”. Se si tratta di un’elezione o anche di un contratto, siamo sulla strada di qualche seria delusione. Invece, si deve trattare della sollevazione di decine di migliaia di lavoratori sostenuti da sindacati e gruppi comunitari, e rafforzati da rappresentanti eletti che vogliono usare le leve del governo a favore dei lavoratori.

Un passo concreto verso la costruzione di questa sollevazione sarebbe un miglior coordinamento e unità tra i sindacati della logistica e dei trasporti, specialmente i Teamsters, i sindacati dei magazzini e quelli del trasporto merci ferroviario. Migliori risultati possono anche arrivare rafforzando la collaborazione tra i lavoratori interni organizzati da gruppi come Amazonians United, formazioni come la Southern Workers Assembly, e la molteplicità di sindacati preparati a dare supporto. Mentre il contesto politico e normativo per Amazon è in evoluzione, il movimento dei lavoratori deve anticipare – e dove possibile guidare – le principali riforme strutturali del modello di impresa di Amazon.

La sbilenca sconfitta dello sforzo di sindacalizzazione dei lavoratori di Bessemer non è la prima battuta d’arresto per il sindacato in Amazon, e non sarà l’ultima. Mentre il livello di militanza e organizzazione dei lavoratori Amazon cresce, la nostra sfida è di assicurare che ogni azione rafforzi il movimento, e costruisca la fiducia dei lavoratori sulla forza delle azioni collettive. Questo è quanto ispira i lavoratori ad “abbandonare la paura” e allargare il loro sostegno ai sindacati nei posti di lavoro.

©2021 Sinistra Sindacale Cgil. Tutti i diritti riservati. Realizzazione: mirko bozzato

Search